Transumanza

Regia di Salvatore Mereu

Voto della redazione

Il vecchio ed il nuovo si incontrano in questo cortometraggio di Salvatore Mereu.

In una calda giornata estiva Elias accompagna suo zio capraio a transumare. Parecchio annoiato il ragazzo non fa altro che rimanere incollato allo schermo del suo telefonino. Rimproverato più volte dallo zio, che comunque appare attratto dalla tecnologia dell’oggetto, decide di fargli vedere cosa sta guardando: Vita di Pi, prontamente commentato con la battuta del vecchio “Bisognerebbe portarla qui, così ci libera delle capre”. Una volta giunti al termine della giornata di pascolo, i due troveranno conforto nell’osservare il cielo stellato ed ad indovinare quale rotta seguiranno gli aerei che riescono ad scorgere.

transumanza_1Prodotto da Viacolvento questo corto è stato girato in due versioni: quella originale presentata a questa edizione di Visioni Italiane, della durata di  6 minuti, e quella cortissima, meno di 2 minuti, che ha accompagnato le celebrazioni per il settantennale della Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Future Reload.

A metà tra il moderno e l’antico, il regista dorgalese, sembra voler, seppur in pochi attimi, dipingere con pennellate chiare e nette quella che è l’attuale realtà di alcune figure professionali che sopravvivono sull’orlo dell’oblio. In una natura aspra si scontrano il vecchio pastore ed il giovane “aiutante”: quest’ultimo pare completamente distaccato dalla vita montana e più interessato a sognare nuove mete e possibili futuri dietro ad ogni scia lasciata da un aereo, piuttosto che a proseguire le orme dello zio. Tuttavia, non può sottrarsi al radicamento e a quella fascinazione per quel tipo di vita nomade che lo spinge a sacrificare un pomeriggio estivo.

Breve ma ricco di spunti di riflessione il cortometraggio di Mereu stupisce per la non necessità di orpelli grafici ed estetici; pochi ma significativi i dialoghi, sufficienti a colpire nel segno lo spettatore, il quale così, spontaneamente, si domanda se il futuro del giovane Elias sarà sopra uno di quegli aerei o sulla montagna da cui li ammira sognante.

Scritto da Alessia Giannoni

Mi chiamo Alessia, sono Toscana di nascita ed Emiliana d'adozione. Adoro il cinema di qualunque tipo, l'arte, le caramelle gommose ed i cani.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *