La pioggia che non cade

Regia di Marco Calvise

Voto della redazione

L’idea di fondo de La pioggia che non cade è quella di realizzare una commedia musicale che utilizzi i cantanti anche come protagonisti del film, si tratta, dunque, della costruzione di un vero musicariello dei giorni nostri.

La pioggia che non cadeI protagonisti musicali in questione sono quelli della band romana degli Inverso che interpretano se stessi in questa commedia dell’inganno che vede al centro della trama il tema musicale. Il film permette allo spettatore di conoscere le canzoni di questo gruppo che unisce testi articolati ad una musica piacevole e che vede un suo disco in uscita in concomitanza con il debutto in sala del film.

Purtroppo i punti di forza del film di Marco Calvise finiscono qui. La sceneggiatura, pur inquadrandola all’interno della commedia leggera, appare davvero blanda. Il film ricalca i cliché delle commedia musicali degli anni 60 ma senza riuscire a dare carica empatica ai personaggi e con cinquant’anni di ritardo che hanno visto maturare non poco il pubblico. Anche dal punto di vista visuale risulta evidente una fotografia e un taglio di inquadrature senza troppa passione. Probabilmente il film è stato pensato più a sostegno della band musicale che per la fruizione cinematografica. Se così è non ci resta che fargli il nostro in bocca al lupo e augurargli un buon successo musicale.

Scritto da Pasquale D'Aiello

Lavora come regista per la RAI, collabora con diverse testate di critica cinematografica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *