Carmen Albergo

"La mia unica intelligenza è stata quella di capire che non ero intelligente, nonostante coloro i quali me lo dicono. La mia intelligenza è a lampi, a frecciate, a strappi, mentre l'intelligenza coordina lampi e frecciate fino a produrre una illuminazione nella quale le forme adottano un certo risalto. Manco di illuminazione e conto solo su questi rapidi bagliori, che mostrano bruscamente il posto inconsueto degli oggetti" (J. Cocteau)

Tutti gli articoli di Carmen Albergo

  • Goodnight Sofia

    Leonardo Moro e il suo sguardo cinematografico, il percorso verso sé stesso e l'affermazione della propria libertà autorile

  • La Playa

    Una comunità che non si limita a sopravvivere, ma che come un cuore pulsante, rilascia vita sana in tutto il “corpo sociale”

  • Ecce Ubu

    Giocando con il found footage, Luca Ferri propone un prototipo di cinema d'avanguardia antinarrativo e sovversivo

  • Zio Fil

    "Zio Fil" è il titolo, ma anche l'idea creativa dissimulata. E' il lampo di intuizione che sfugge al proposito di fermare una visione. E' metacinema....

  • Parley

    Nell’universo criminale organizzato, lo scontro armato ormai costa troppo e si preferisce parlamentare, discutere accordi, persino concordare i termini del concetto di “Pace" ...

  • Quale memoria

    La Memoria della Shoah rivista con gli occhi delle ultime generazioni. Dalle testimonianze del passato ai ricordi del presente vissuto.

  • Adamo ed Eva

    Una rivisitazione della genesi ancestrale della condizione umana